Scorci di Sardegna

Ritorno dopo ben ventidue anni in questa isola meravigliosa, tra le acque cristalline e il profumo dei mirti e della macchia meditteranea. La prima impressione dopo anni è stata quella di ritrovarmi in una terra antica, ricca di mistero e meraviglie, sotto il sole ancora estivo di settembre. Giorni di mare e relax alternati a camminate e trekking in alcune parti del nord dell'isola, dalle coste di di San Teodoro,con le sue acque cristalline, meravigliosa la spiaggia La Cinta (nella terza foto prima di un temporale) l'isola Tavolara (nella prima foto in un tramonto nuvoloso), all'area archeologica-nuragica del Gallurese, fino alla penisola del Sinis ad ammirare le rovine di Tharros. Tanti spunti fotografici e qualche scatto sembra riuscito. Nella ricca biodiversità di questi luoghi ho incontrato un fitto gruppo di fenicotteri rosa e grigi nello stagno di San Teodoro, rivalorizzato da qualche anno in tutta l'area circostante e alcune specie di libellule fotografate vicino ad un piccolo corso d'acqua nell'area gallurese.